L’isola che non c’è

Salve ragazzi, siete pronti a vivere con noi questa avventura? A costruire con noi su questo blog un’isola felice di pace, di dialogo, di ascolto in un Mediterraneo che oggi è invece luogo di scontri, di incomprensione e di violenze?

Le vostre insegnanti Hela, Meriem, Zohra, Rossana, Adele e Alessandra vi invitano a collaborare a questo blog, che sarà il luogo dello scambio virtuale tra voi ragazzi dei paesi del Mediterraneo.

Potremo, dialogando, riflettere sulla nostra identità, conoscere altre culture e stili di vita, interrogarci reciprocamente sui fatti recenti che stanno accadendo sulle sponde del nostro mare e che ci riguardano.

Su questo blog posteremo di tutto, dai trailer dei film ai consigli di lettura, alle rubriche di attualità.

Per saperne di più vi invitiamo ad esplorare la mappa del sito.

isola che non c'è
isola che non c’è

Le vostre insegnanti

 

Per visualizzare la versione in inglese, clicca qui: http://mediterraneosiamo.altervista.org/neverland/

Per visualizzare la versione in francese, clicca qui: francais

5 commenti su “L’isola che non c’è

  1. Rossana il said:

    All ‘indomani dei tragici fatti di Tunisi che dire? Rubando le parole a M.L.King: ” Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo ancora imparato la semplice arte di vivere insieme come fratelli.” Con il nostro progetto ‘ Mediterraneo’ e questo blog penso che tanti ragazzi invece stiano proprio imparando a conoscersi e a capire quanto sia importante sentirsi parte di un’ unica grande civiltà. Continuiamo a fare la nostra piccola parte!

    • Zohra il said:

      si è sempre lavorato sull’alimentazione dei conflitti anche fra i figli dello stesso paese. Questi attentati sono contro l’umanità, non hanno religione vogliono seminare il terrore, la morte e l’odio vogliamo la pace l’amore e la vita. Io direi essere diversi non è mai stato ostacolo alla continuità e alla comunicazione è piuttosto un’espressione di accetazione e di tolleranza reciproca fra i popoli, un indice di ricchezza e di elevazione morale e culturale che esige tant’amore

Lascia un commento